nodemcu consumi ed alimentazione

Progetti domotici con il Raspberry .... con o senza il supporto di MeterN e 123Solar
megamarco83
Messaggi: 216
Iscritto il: 22/08/2016, 14:13

Re: nodemcu consumi ed alimentazione

Messaggioda megamarco83 » 22/04/2020, 14:58

Ciao, ma sai che non lo trovo?
Quali sono i comandi http?
E cmq con quelli da domoticz accendi e spegni i relè.
Ma con gli ingressi, cioè tasti a muro? Come fai poi a dirgli ingresso1 accende relay3 per esempio?
Saranno push button? Interruttori?


s_p
Messaggi: 200
Iscritto il: 06/04/2017, 20:49

Re: nodemcu consumi ed alimentazione

Messaggioda s_p » 23/04/2020, 12:53

megamarco83 ha scritto:Ciao, ma sai che non lo trovo?
Quali sono i comandi http?
E cmq con quelli da domoticz accendi e spegni i relè.
Ma con gli ingressi, cioè tasti a muro? Come fai poi a dirgli ingresso1 accende relay3 per esempio?
Saranno push button? Interruttori?

quello del post precedente

altri

presumo siano comandi del tipo
http://192.168.0.100/relay1=0

o qualcosa di simile.

a conti fatti, noti ti resta che spendere una 30na di euri e fare le prove.

in bocca al lupo

Albertol
Messaggi: 26
Iscritto il: 19/02/2018, 17:00

Re: nodemcu consumi ed alimentazione

Messaggioda Albertol » 14/05/2020, 11:26

Anche io sono dell'idea che utilizzare nodemcu sia scomodo in un impianto civile.
Io ho inserito in casa parecchi dispositivi, circa
- 5 x sonoff basic
- 1 x sonoff th10
- 2 x sonoff th16
- 3 x sonoff s20
- 1 x sonoff 4ch pro
- 6 x schelly 1

Quindi solo per la domotica ho già un totale di 18 dispositivi connessi in wifi, senza contare tutto il resto (notebook, smatrphone, tablet, ecc).

Ed il lavoro è ancora "work in progress"...

Gestisco tutto su rete wifi mesh (con due fritzbox, uno per piano) e non ho alcun problema.

Personalmente mi piacciono molto gli shelly, sono davvero molto comodi da integrare su un impianto.

megamarco83
Messaggi: 216
Iscritto il: 22/08/2016, 14:13

Re: nodemcu consumi ed alimentazione

Messaggioda megamarco83 » 14/05/2020, 21:04

Albertol ha scritto:Anche io sono dell'idea che utilizzare nodemcu sia scomodo in un impianto civile.
Io ho inserito in casa parecchi dispositivi, circa
- 5 x sonoff basic
- 1 x sonoff th10
- 2 x sonoff th16
- 3 x sonoff s20
- 1 x sonoff 4ch pro
- 6 x schelly 1

Quindi solo per la domotica ho già un totale di 18 dispositivi connessi in wifi, senza contare tutto il resto (notebook, smatrphone, tablet, ecc).

Ed il lavoro è ancora "work in progress"...

Gestisco tutto su rete wifi mesh (con due fritzbox, uno per piano) e non ho alcun problema.

Personalmente mi piacciono molto gli shelly, sono davvero molto comodi da integrare su un impianto.

Ciao condivido, gli shelly sono belli ma quanto costano!! Praticamente 10euro per ogni punto luce..

Invece cosa è una rete mash?
È perché hai scelto fritzbox?
Ad ognu modo informandomi anche io ho letto di pissibili problemi con troppi dispositivi wifi connessi...
Per curiosità che provider usi?

Che planimetria per piano copri?
Grazie

P. S. Io sono fan di nodemcu perché davvero open, sono convinto che studiandogli una schedina con zoccolo per montarla, morsetti a vite phoenix per cablarla, una manciata di resistenze per pull-up, active low, ed i relè arduino da 8 canali, si possa spendere poco, circa 8euro ed avere 8uscite e 7 ingressi.
Io ho provato a prendere 12metri di cavo lan, collegarci un push button active low alimentato a 5v e funziona l'attivazione dei relè...

Albertol
Messaggi: 26
Iscritto il: 19/02/2018, 17:00

Re: nodemcu consumi ed alimentazione

Messaggioda Albertol » 15/05/2020, 15:18

Ciao megamarco83,
una rete mesh è una rete con più AP che operano in modo "attivo/dinamico" nel distribuirsi le connessioni, diciamo che ritengo sia uno dei migliori sistemi per gestire una wi-fi.
Prima di avere una rete mesh, al suo posto avevo una rete con due AP e già funzionava molto bene.
Io abito in una casa su due livelli (in legno) di circa 120 mq a piano, ed ho preferito gestire la rete con due AP con rete mesh per poter tenere le potenze di trasmissione al minimo (sui fritzbox al 6%). Avrei potuto tranquillamente usare un solo AP ma avrei dovuto tenere la potenza di trasmissione alta.
Come operatore di rete uso Eolo, e mi ci trovo molto bene.

Io continuo ad apprezzare gli Shelly per la loro praticità. Trovo davvero comodo che stanno dietro un falso tasto nelle scatole da incasso.

Stavo pensando di usare un nodemcu per rilevare le temperature/umidità dei 7 canali di ritorno della mia VMC usando un solo dispositivo con collegati gli am2302.... forse in futuro lo farò...

Per quanto riguarda la caduta di tensione del 5v penso basti utilizzare la giusta sezione per i cavi di alimentazione, al massimo creare qualche buffer per ogni nodemcu per meglio sopportare i picchi di assorbimento (penso a quando si potrebbero attrarre contemporaneamente 8 relè).

megamarco83
Messaggi: 216
Iscritto il: 22/08/2016, 14:13

Re: nodemcu consumi ed alimentazione

Messaggioda megamarco83 » 15/05/2020, 16:40

interessante questa cosa dell'AP attivo/dinamico e con frizbox, non la conoscevo proprio.
io ho come provider vodafone che ti obbliga ad usare la vodafone powe station...
non ho mai provato ad usare eolo, ma sempre provider su rete cablata
in che senso creare qualche buffer per nodemcu?
grazie!

Albertol
Messaggi: 26
Iscritto il: 19/02/2018, 17:00

Re: nodemcu consumi ed alimentazione

Messaggioda Albertol » 15/05/2020, 17:08

Io sono stato costretto, data la mancanza di una rete cablata decente, ad affacciarmi ad un provider via etere.
L'ho anche fatto perchò ho il ripetitore a circa 100m da casa :-)

Comunque a parte quale operatore utilizzi, basta disattivare la parte wifi del modem/router che ti forniscono e collegarci via lan ciò che vuoi.
Io ho una rete piuttosto complessa per essere in ambiente domestico. La parte wifi interna a casa, come ti dicevo, la gestisco con due fritz 4020 (uno quello fornito da eolo, l'altro che ho aggiunto poi).

Come buffer per alimentare i nodemcu, intendo una schedina con almeno qualche condensatore elettrolitico per sopportare i picchi di assorbimento che potresti avere. Azionare contemporaneamente 8 relè può dare un picco transitorio di assorbimento che ti fa "sedere" la tensione che alimenta il nodemcu e te lo resetta.

"Ti porto un personale esempio, a casa ho gli oscuranti comandati con impianto bticino mynome, e quando stavano testando l'impianto tutto sembrava funzionare, nel senso che ogni oscurante saliva e scendeva quando comandato singolarmente. Quando hanno provato i comnadi di gruppo per alzare/abassare gli oscuranti di un intero piano di casa... tutto sembrava impazzito!!! funzionava tutto in modo random, e alla fine tutto era dovuto all'alimentatore sottodimensionato che avevano messo per l'impianto, è bastato sostituirlo perchè tutto si mettesse a funzionare correttamente.
Nel momento di richiesta di eccitazione di tutti i relè di salita o discesa, l'alimentazione non era sufficente e i moduli impazzivano!"

Avatar utente
febpro
Messaggi: 18
Iscritto il: 18/09/2017, 13:45

Re: nodemcu consumi ed alimentazione

Messaggioda febpro » 18/05/2020, 19:24

prova a vedere anche soluzione a Modbus
guarda qui
https://www.creasol.it/CreasolDomBus1

io invece, al momento sto usando arduino mega con due schede relè da 8, quindi 16 CH in ingresso e 16 in uscita con shield LAN, uno per piano su casa a schiera di 3 piani


Torna a “Domotica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite